Una splendida galleria ad arco situata all’interno di Piazza della Signoria e proprio di fronte al Palazzo Vecchio, la Loggia dei Lanzi è una degna attrazione da visitare.

La sua bellezza e stile sono serviti da modello base per molte delle logge che sono state successivamente costruite in tutta Europa, rendendola una struttura estremamente significativa. La galleria coperta presenta tre grandi archi, creando un edificio davvero unico sia dentro che fuori!

La storia della Loggia dei Lanzi

Fu costruito nel 14 ° secolo, originariamente chiamato Loggia della Signoria, ma spesso soprannominato la Loggia dei Lanzi dalle guardie mercenarie tedesche che erano di stanza nella regione nel 16 ° secolo. È stato progettato dal talentuoso tri di Simone di Francesco Talenti, Lorenzo di Filippo e Benci di Cione, che ha costruito l’edificio in stile tardo gotico. Lo scopo dell’edificio era di ospitare cerimonie ufficiali e pubbliche per la Repubblica fiorentina.

Informazioni sulla Loggia dei Lanzi

Durante il XVI secolo, all’incirca nello stesso periodo del Granducato di Toscana questo edificio divenne un simbolo per il potere della famiglia dei Medici. Ciò è stato fatto dalla pura bellezza della struttura, con imponenti sculture che sono state scelte non solo per la loro bellezza, ma per rappresentare un significato politico specifico.

Sulla facciata, posta in corrispondenza delle colonne degli archi, sono quattro trifogli con figure allegoriche delle quattro virtù cardinali (fortitudine, temperanza, giustizia e prudenza) di Agnolo Gaddi (1383-1386. Il loro sfondo smaltato blu è opera di Leonardo, un monaco, mentre le stelle dorate sono state dipinte da Lorenzo de’Bicci. Un ottimo esempio di ciò sono i due leoni presenti a guardia dell’ingresso. Uno è stato creato nell’antico Roma mentre l’altro fu costruito nel 17 ° secolo. Furono usati per mostrare quanto fosse sacro l’edificio, poiché i leoni erano visti come guardie minacciose e rassicuranti.

La loggia contiene anche diverse antiche strutture all’interno, con una grande collezione di imponenti Rinascimento e sculture romane. Una collezione di statue straordinarie iniziò nel 1494 quando i fiorentini vinsero la battaglia per i Medici, che avevano precedentemente governato la città per oltre cento anni. Durante questo periodo, i fiorentini celebrarono il loro dominio trasportando una serie di statue, tra cui la statua di Giuditta e Oloferne di Donatello in piazza, proprio di fronte all’edificio. Il capolavoro è noto come “Patroclo e Menelao” all’interno della Loggia dei Lanzi, creata in epoca flaviana come copia di una statua greca originale. Le sei figure femminili presenti lungo la parete posteriore dell’edificio provengono dal Forum di Traiano a Roma, trasportato qui durante la disposizione decorativa di Villa Medici.

Esplora il nostro Tour di Firenze

Altra attrazione turistica: