Conosciuto per essere i monumenti più antichi di Firenze è lo splendido Battistero di San Giovanni.

Immerso in Piazza del Duomo, è uno dei monumenti più importanti in circolazione, vicino al famoso Cattedrale di Santa Maria del Fiore È facilmente individuato, con la sua distintiva forma ottagonale e il marmo color pastello, è davvero uno spettacolo mozzafiato da vedere.

Il Battistero della storia di St. John

Costruito nel 1128, il Battistero di San. Giovanni fu costruito sull’antica fondazione di un tempio pagano. Questo è il motivo dell’impronta esterna dell’ottagono dell’edificio, poiché i progettisti hanno deciso di lasciare intatto questo stile di costruzione.

L’interno

L’edificio è coperto da una magnifica arte su pavimenti, pareti e soffitti. Il pavimento è intrinsecamente intarsiato in mosaici geometrici, perfettamente posizionati per creare un senso di spazio e potenza. Tuttavia, di gran lunga la più grande caratteristica all’interno dell’edificio sono i mosaici del soffitto della cupola. Disposti in cerchi concentrici, i mosaici sono incastonati in oro, in mostra storie di Genesi, tra cui la storia di Giuseppe, Vergine Maria e Cristo, e ovviamente San. Giovanni Battista. Ne varrà la pena il grido al collo quando strizzi gli occhi per vedere l’incredibile dettaglio di questo capolavoro del soffitto.

L’esterno

Nonostante le straordinarie opere d’arte custodite nell’edificio, di gran lunga le più grandi caratteristiche del Battistero sono le sue porte decorative. Le prime porte furono create da Andrea Pisano, che costruì il set di porte in bronzo nel 14 ° secolo per proteggere il Battistero. Le porte raffigurano la vita di San. John, mettendo in mostra la sua vita separando la porta in piccoli quadrati, ognuno con un dettaglio intagliato di un’opera d’arte.

La seconda serie di porte presenti lungo il lato nord dell’edificio è stata progettata da Lorenzo Ghiberti. La sua porta di bronzo raccontava la storia del Nuovo Testamento, impiegando 21 anni per essere completata.

Infine, la terza serie di porte si trova ad est dell’edificio, creato da Ghiberti, diventando il capolavoro più famoso degli artisti. Questo set di porte mette in mostra una serie di storie della Bibbia, che impiegano oltre 27 anni per finire. Nonostante questo lungo sforzo, le porte di Ghiberti furono un trionfo, con lo stesso Michelangelo che affermava che erano “Porte del Paradiso”.

Esplora il nostro Tour di Firenze!